vita


 

 Il 6 ottobre 1882, alla vigilia della solennità della Vergine del SS Rosario, nasceva nella sua casa di Napoli -Dolindo Ruotolo- sacerdote di Cristo e figlio prediletto della Vergine Maria.

Ci sono nella vita di un uomo presagi di un destino e così Dolindo portava già nel nome i paramenti sacri del suo sacerdozio d'amore.

Il libro originale della Autobiografia pubblicato per la prima volta nel 1972 è stato trascritto in formato elettronico. Scaricate subito una copia del libro integrale, pronto ad essere stampato direttamente sulla propria stampante.
Fate click qui per scaricarlo

  •  Sacerdozio
  •  Autobiografia
  •  'O vecchiarello d'a Madonna
  •  La Morte
  • griffe

     


    IL SACERDOZIO

    Il sacerdote è un'ostia vivente offerta in Cristo a Dio Padre per la salvezza dei peccatori. Egli è il polmone dell'umanità, metabolizza la miseria del peccato nell'aria purissima della grazia e della vita eterna. Il sacerdote è un operatore di grazie, un restauratore del vasellame di Dio, la sua opera è il frutto della sua preghiera e attraverso il sacrificio e la preghiera i ciechi vedono, gli zoppi camminano, i morti risorgono.

    L'opera di un santo sacerdote è ignota a lui stesso, è Dio che opera in lui, egli non sa né vuole usurpare per sé il merito che è solo di Dio. Così Dolindo, che già portava nel nome la trafittura delle spine che gli passeranno le carni durante tutta la sua vita, riteneva di essere per sé un nulla, uno "sciosciammocca", un incantato di Dio, un innamorato della Vergine.

    Perché possa stabilirsi la comunicazione con l'infinita potenza di Dio è necessario per l'uomo occupare l'altra polarità ad essa coniugata, il nulla, quanto più l'uomo si annulla davanti a Dio tanto più riesce a effondere la sua potenza nell'effluvio della carità. Così ha fatto il figlio suo sulla croce, così Francesco, così tutti i santi di Dio e così fece Padre Dolindo. Dunque le comunicazioni interiori, i miracoli e le conversioni non possono avvenire se non in presenza di questa polarità del sé che si annulla e annullandosi rende testimonianza della gloria di Dio.

    E Dio per virtù di questo incantesimo operava in lui miracoli, otteneva conversioni, diffondeva per la sua bocca un fiume di parole di vita eterna conservate, in parte, nella monumentale opera di commento biblico edito a cura delle figlie, che egli cooptò nell'opera di apostolato e che scelse da tutti gli ambienti e da tutte le professioni come pie donne che l'avrebbero accompagnato nel suo calvario terreno.

    La sua sapienza non brilla per vanagloria di umana scienza ma per il decoro di divina illustrazione dei fondamenti della fede cattolica verso cui concorre, come a sua foce, ogni percorso di umana dottrina. Riposava ancora giovinetto presso l'immagine della Vergine prediletta e tutto confuso per la disuguaglianza tra l'onere intrapreso e il naturale ingegno, poco brillante, di giovane aspirante al grande ufficio di sacerdote, si rivolse alla sua Mamma celeste e nel suo cuore così pregò: "se è volere tuo che io divenga sacerdote di Dio, versa sul capo mio i tesori di scienza e di virtù sì che io per te ne divenga degno" Un sonno placido scese sul ciglio del devoto bambino orante e con il sonno la Madre gli instillò i sette doni dello spirito Santo. Egli li usò dal suo risveglio e fino alla fine come tastiera del suo armonium interiore su cui cantava a gola piena le lodi della Trinità e di Maria. Gesù e la Vergine lo visitarono con intima consolazione e come segno agli altri della loro elezione gli diedero le croci, croci di incomprensioni nella sua famiglia naturale e pastorale, croci di espiazione per il peccato dei suoi fratelli, croci di redenzione per la salvezza del gregge di Dio, che a lui veniva di notte e di giorno come a lui mandato dal Loro pastore per essere mondate dalla lebbra del cuore e dalle malattie dell'anima.

    Alcune vie sono famose perché furono luogo di svolte epocali nella storia del progresso dell'umanità; così a Napoli in via S. Rosa 58 la sostanza divina, che è il nucleo atomico dell'uomo, concresceva sotto le preghiere e le benedizioni di don Dolindo. Egli prendeva su di sé, come il cireneo, il peso della croce degli uomini per compartirlo con Gesù e a mano a mano che saliva con Cristo fino al Golgota le spalle si incurvavano, le vertebre si flettevano sotto il peso della croce, le gambe turgide per il faticoso cammino sanguinavano ribelli ad ogni fasciatura, sembrava vecchiaia ed era stigma del Cristo paziente, dell'anima triste fino alla consummazione dell'ora.

    Un altro figlio di Gesù nello stesso tempo e in altro luogo, -Padre Pio da Pietrelcina- compiva nel suo corpo quello che manca alla crocifissione di Gesù. Per cinque fori egli ha versato il sangue come un'icona vivente di Cristo ed egli solo nella profondità della sua chiaroveggenza sapeva ed indicava ai suoi fedeli che un fratello suo, Dolindo, pativa nell'anima e nel corpo uguali pene per la salvezza delle anime e per la gloria della Chiesa di Cristo. Come costui, Padre Dolindo fu relegato nella solitudine, come Gesù fu solo sul Calvario, divenuto come uno di fronte al quale ci si copre il volto. Dolindo fu condotto dal demonio nel deserto e ivi tentato. In famiglia dubitavano di lui e fu creduto che uno spirito immondo lo possedesse, nella sua Chiesa trovò intriganti che gli tolsero l'unica consolazione che un sacerdote trova nell'afflizione: la celebrazione della eucarestia, e per più anni stette come il salmista invocando de profundis che la voce di Dio trionfasse.

    Nella tempesta che l'assalì aveva il conforto della preghiera e della intima consolazione della Vergine e di Gesù, l'estasi in cui ci pone Dio quando si parla di Lui. Non aveva Gesù detto ai suoi discepoli: "ancora un poco e mi vedrete, ancora un poco e non mi vedrete"? Dolindo stette come un cane fedele alla sua Chiesa, accucciato e in attesa che il padrone lo chiamasse a venire a mensa. Furono le prove generali per la sua esaltazione a una maggior gloria e un maggior dolore.

     

     


    L'AUTOBIOGRAFIA

    L' autobiografia è un genere letterario che quando è adottato da un santo serve a umiliazione di sé stessi davanti a Dio e a edificazione della Chiesa. Come Agostino e S. Teresa anche Padre Dolindo, per obbedienza e sotto giuramento di dire la verità, ripercorre la storia della sua anima e dell'opera che Dio volle compiere per lui. Quando Gesù si manifesta all'anima il cuore esulta di gioia ma nello stesso tempo intorno a noi crollano le umane certezze, anche colui che prega insieme a noi alza contro di noi il suo calcagno, l'anima cerca prove cruciali delle verità che sente in seno, ma non trova nei fratelli che livori di umana miseria, allora sospira come Cristo sulla croce: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". Non si trova conforto che nelle verità della fede, non c'è prova cruciale che la fede nelle verità insegnate dalla Chiesa, perché in tali verità permane saldamente il Cristo.

    Così Padre Dolindo attraversa, come tutti i santi, la tempesta del dubbio; Gesù è a poppa silente. Per invidia di un tale Padre Fabazzi e De Cicco fu minacciato di deferimento al Santo Uffizio. Un tale tribunale scatena, al solo nome, un'inquietudine nell'animo di ogni fedele perché annuncia all'anima desiderosa di Dio il sospetto di non conformarsi alla Chiesa. Il demonio induce nell'animo la tentazione che è tutto un'illusione e l'evidenza della fede è messa a dura prova dalla seduzione del nemico, che minaccia la perdizione per noi e per gli altri. Così Padre Dolindo, scriveva a Lia La Rovere il 15 aprile 1918: "e' notte, e prima di scrivervi mi sono gettato ai piedi del Crocefisso,gemendo veramente, ai piedi di Maria, e ho pregato tanto, perché il solo pensiero di mancare sia pure indirettamente alla obbedienza dovuta alla Chiesa mi pone in angustie indicibili..... sono io uno squilibrato di mente? E' un pensiero fisso che mi ossessiona davvero. Sono squilibrato? ".

    Gesù non lascia mai un'anima eletta in pena oltre il tempo necessario per la sua edificazione; durante la messa Egli veniva e con la sua pace lo innalzava al di sopra della piccolezza umana, gli faceva sentire e assaporare il gusto della verità e misteriosamente purificava ogni fibra del suo essere dall'angoscia e dalla esitazione. Percepiva chiaramente che il ministero sacerdotale non è solo eucaristico ma è ministero della parola, che Gesù durante il sacrificio spezza il pane della parola e la dona agli uomini per illuminazione della mente ed edificazione dello spirito, che un'eucarestia non nutrita preliminarmente dalla penetrazione della Parola è una trasmutazione del pane in pietra.

     

     


    'O vecchiariello d'a Madonna

    Non c'è santità senza devozione mariana. Il popolo, nella percezione intuitiva che possiede delle anime, aveva bene appellato don Dolindo come il "vecchietto di Maria", quasi ad indicarne una appartenenza, il matronimico. Effettivamente don Dolindo fu tutto di Maria; egli ha celebrato le lodi più belle della Vergine, ha cantato per Lei e insieme a Lei le melodie più soavi. Una gran parte dei suoi scritti e dei suoi opuscoli sono dedicati alla Vergine Immacolata, alla Madre del Redentore alla corredentrice del genere umano. Maria è per Lui il sospiro dell'universo e la magnificenza delle anime, il cantico della Trinità. Incomparabile resta il suo commento al Magnificat ispirato e dettato dalla Vergine che veniva a istruire il piccolo cenacolo di don Dolindo.

    Alla scuola della Madre celeste si produceva una profonda riforma del cuore culminante nel suo ultimo lavoro: "Maria, madre di Dio e Madre nostra", una possente trilogia mariana composta negli ultimi anni della sua vita, tra dolori indicibili e una paralisi che gli rendeva sommamente difficile lo scrivere. Fulcro di tale devozione mariana era la preghiera del Santo Rosario, che egli recitava meditando le stazioni della vita, morte e resurrezione di Gesù sulla sua corona, costantemente impugnata e che usava come una verga mosaica per battere alle porte del cielo e impetrare grazie o come una spada contro le tentazioni e gli assalti del demonio.

    Il Rosario è la più antica preghiera della Chiesa perché la contemplazione dei misteri è sicuramente il frutto della prima catechesi fatta agli apostoli da Maria, che pregava con loro e a Lei si rivolgevano ripetendo la preghiera al Padre insegnata loro da Gesù. Perciò il Rosario è la preghiera ecclesiale per eccellenza; attraverso il Rosario prega tutta la Chiesa. Don Dolindo conosceva la potenza del Rosario e le insidie che il Nemico opponeva a chi si accinge a recitarlo: sospetto di monotonia, distrazione, sonnolenza incipiente, perché è un ladro e viene di nascosto a rubare il tesoro di grazie che l'anima ottiene per intercessione di Maria.

    Il Rosario è un complesso gangliare del corpo mistico della Chiesa; don Dolindo dice una: "rete elettrica", ogni grano della corona è un pulsante che ha corrispondenze nel cuore della Vergine e di Gesù e vi accende la lampada della infinita carità. Perciò la recita del Rosario è una preghiera comunitaria da fare con animo devoto e, se preghiamo da soli, don Dolindo consigliava di invitare l'angelo custode, che è sempre con noi per il responsorio della nostra invocazione affinché fosse portata sulle sue mani davanti al trono del cielo.

     

     


    LA MORTE

    Mirabile agli occhi di Dio è la morte dei giusti. Il giusto vive costantemente nell'ora della morte, se la prefigura come il dolce abbraccio della Sposa allo Sposo. La meditazione costante della morte fa parte del precetto della Chiesa al cristiano e padre Dolindo aveva istruito nei sui libri, nelle sue prediche e nelle sue meditazioni i suoi seguaci sul mistero della vita, della morte, del giudizio, dell'inferno, del Purgatorio, del Paradiso, che egli aveva illustrato con tanta ricchezza di immagini da apparire quasi uno che l'avesse, come Paolo, visitato in virtù di un mistico rapimento. Tutti i tesori, però, che Iddio ha preparato per noi devono essere scontati con l'agonia del nostro corpo mortale, che morde anche con denti cariati la carne nella quale l'anima cristiana aspira al Paradiso.

    A 88 anni la morte frulla le ali al capezzale di Padre Dolindo, una broncopolmonite a focolai diffusi devasta quel mantice che aveva alimentato il fuoco dello Spirito Santo. Gli vengono applicate mignatte, praticati flebo, viene intubato. La vanità della scienza attende, in ultimo, l'inerzia del nostro corpo per far pompa del lusso dei suoi apparati. All'alba del 19 novembre 1970, giorno della dedicazione della Basilica di SS. Pietro e Paolo, le condizioni del Padre si aggravarono; senza perdere conoscenza egli scandiva il quadrante del suo ultimo giorno con le lancette della Salve Regina.. Intorno a lui si effondeva un clima di mistero. Non ingoiava più ma non cessò di desiderare quel Cibo di cui si era nutrito per l'intera sua vita. Padre Giovanni Galasso pietosamente glielo offrì dopo averlo assolto.

    Nel generale raccoglimento si diffuse nell'aria un profumo di gigli, sentito dai presenti e accolto come stigma ultimo della sua santità. All'improvviso, alle 17.13, nell'ora che gli Angeli di Dio mietono la terra e presentano al Padre il raccolto da ammassare nei Suoi granai, come per un' improvvisa rigenerazione del corpo, causata da una visione di cielo, la sincope degli arti contratti si distende. Il peso delle membra lèvita per una misteriosa virtù che le solleva, egli balza lieto sul letto come per andare incontro a una visione, quella della Madre sua Celeste, a cui aveva consacrato la sua vita e le sue opere.

    Sorrideva il suo volto di ineffabile beatitudine, la pietà delle sue figlie spirituali adagiò il capo reclino sul guanciale e giacque nella sua casa. Il cordoglio dell'intera città di Napoli, che andò in processione a salutarlo, fu temperato dall'ammirazione della gloria che Iddio riserva ai Santi suoi. L'amore di Gesù per i suoi amici fu tanto grande che egli lasciò l'Eucarestia come testamento della sua presenza tra i suoi; anche Padre Dolindo non si allontanò dai suoi senza una promessa, quella di impetrare dalla Vergine e da Gesù tutte le grazie di cui essi avrebbero avuto bisogno e che se avessero bussato alla sua tomba egli non avrebbe cessato di ascoltarli e di esaudirli. Così è invalso il costume presso i napoletani di bussare per tre volte in nome della SS. Trinità, sul marmo del suo sepolcro nella chiesa della Vergine di Lourdes -a Napoli- ove giace. Quivi la pietà mista al bisogno fa lasciare sulla tomba suppliche e richieste di aiuto.

    A quella tomba anche noi abbiamo bussato e abbiamo ottenuto, ben oltre ciò che avevamo richiesto. Per certificare questi fatti di cui noi siamo stati testimoni e a lode di Dio è stata allestita questa memoria per la diffusione della figura e dell'opera di don Dolindo Ruotolo, che per sé fu nulla ma in Dio fu tutto, cioé nulla in sé e tutto in Dio.

    griffe

     


     vita

     


    | HOME  | VITA | OPERE | PREGHIERE | FIORETTI | PRODIGI | APOSTOLATO STAMPA |